Progettare un corso di formazione sul D.Lgs. 231/01

di Giovanni Battisti.

Nel definire un corso di formazione sul Decreto Legislativo 231 del 2001 bisogna anzitutto tenere presente che la formazione dovrà essere tarata in funzione dei destinatari.
Le indicazioni che seguono, pertanto, devono ritenersi indicative e dovranno essere adeguatamente adattate alla specifica realtà dell’ente.

1. Nozioni di carattere generaleIn questa prima parte sono fornite (sinteticamente) le prime nozioni sul D.Lgs. 231/01 e sui suoi “effetti” per la società.
  1. “Societas delinquere potest”
    Il D. Lgs. 231/01 introduce per la prima volta nell’ordinamento italiano la responsabilità “amministrativa” degli enti relativamente alla commissione di alcuni reati specificatamente indicati dal legislatore.
  2. Per cosa rispondono (reati specificamente indicati dal legislatore)
    Le società rispondono solo nel caso di commissione di reati specificatamente indicati dal legislatore.
  3. Quando rispondono (interesso o vantaggio)
    L’Ente è responsabile se il reato è stato commesso a suo interesse o a suo vantaggio; non è pertanto necessario aver conseguito un vantaggio concreto, ma è sufficiente che vi fosse l’interesse a commettere il reato.
  4. Esclusione della responsabilità (esimente) con l’adozione di un Modello organizzativo finalizzato a prevenire la commissione dei reati
  5. La “normativa” di riferimento: Le convenzioni internazionali (La legge delega 29 settembre 2000, n. 300 ratifica ed esegue diversi atti internazionali, elaborati in base al Trattato dell’Unione Europea, tra i quali: la Convenzione sulla tutela degli interessi finanziari delle Comunità europee, Bruxelles, 26 luglio 1995; la Convenzione sulla lotta contro la corruzione dei funzionari delle Comunità europee o degli Stati membri dell’Unione Europea, Bruxelles, 26 maggio 1997; la Convenzione OCSE sulla lotta alla corruzione di pubblici ufficiali stranieri nelle operazioni economiche internazionali, Parigi, 17 dicembre 1997); Il decreto legislativo n. 231 del 2001; Le Linee Guida di Confindustria (o le linee guida dell’associazione di categoria di riferimento).

2. Le fattispecie di reato previste dal legislatore e le sanzioni
La seconda parte approfondisce gli aspetti del Decreto che più interessano, quali le tipologie di reato che suscitano la responsabilità dell’ente, le sanzioni in cui si può incorrere, i soggetti che possono commettere, nell’esercizio della propria attività lavorativa, tali reati.
  1. Le tipologie di reato
    - Reati con la Pubblica Amministrazione;
    - Reati societari;
    - Reati di falso nummario;
    - Reati con finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico;
    - Reati contro la persona;
    - Reati di Market abuse;
    - Altri reati, specificamente elencati, contraddistinti per l’essere “transazionali”.
  2. L’elenco delle fattispecie è in continuo aggiornamento
    È opportuno, anzi essenziale, precisare che l’elenco dei reati previsti dal legislatore è in costante aggiornamento.
  3. La tipologia delle sanzioni previste
    - Sanzioni interdittive;
    - Pubblicazione della sentenza di condanna;
    - Sanzioni pecuniarie;
    - Confisca del profitto che l’Ente ha tratto dal reato;
    - Commissariamento per le Società che svolgono un servizio pubblico.
  4. Chi può commettere i reati?
    - Soggetti in posizione apicale
    - Soggetti in posizione subordinata
3. I presupposti della responsabilitàLa terza parte della formazione si concentra sui presupposti della responsabilità dell’ente, e sulla cosiddetta “esimente”.
  1. Interesse o vantaggio
    La società è responsabile per i reati commessi nel suo interesse o a suo vantaggio da soggetti aventi funzione di rappresentanza, amministrazione o direzione anche di fatto stessa, ovvero da persone sottoposte alla loro direzione o vigilanza.
    La responsabilità dell’Ente per il reato commesso da soggetti in posizione apicale è riconosciuta ove l’ente stesso non dimostri che essi abbiano eluso fraudolentemente i modelli di organizzazione e gestione.
    E’ sufficiente l’intenzione, non è necessario l’effettivo vantaggio.
  2. Esclusione della responsabilità
    La Società non è responsabile del reato commesso dal soggetto in posizione apicale se prova che:
    - L’organo dirigente ha adottato ed efficacemente attuato, prima della commissione del fatto, modelli di organizzazione e gestione idonei a prevenire reati della specie di quello verificatosi;
    - I soggetti in posizione apicale hanno commesso il reato eludendo fraudolentemente i modelli di organizzazione e di gestione;
    - Non vi è stata omessa o insufficiente vigilanza da parte dell’organismo di controllo.
    - Il compito di vigilare sul funzionamento e l’osservanza dei modelli e di curarne il loro aggiornamento è affidato ad un organismo dell’ente dotato di autonomi poteri di iniziativa e di controllo (c.d. Organismo di Vigilanza, OdV, Compliance Officer o C.O.).
4. Il Modello di Organizzazione, gestione e controlloIl Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/01 è costituito da uno o più documenti che descrivono i principi ed il funzionamento del “sistema di controlli” adottati dall’ente. Deve descrivere:
- il Codice Etico;
- il sistema organizzativo;
- le procedure manuali ed informatiche;
- i poteri autorizzativi e di firma;
- il sistema di controllo di gestione;
- la comunicazione al personale e sua formazione;
- i poteri, i compiti e la composizione dell’Organismo di Vigilanza;
- flussi informativi verso l’OdV;
- il sistema disciplinare adottato, idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel Modello;
- le misure adottate per scoprire ed eliminare tempestivamente situazioni di rischio.

5. Focus sul Codice Etico
Il Codice Etico è uno dei documenti che concorre a costruire il sistema di organizzazione, controllo e gestione adottato dall’ente. Rappresenta il codice di comportamento dell’azienda nei suoi rapporti con gli interlocutori interni ed esterni.
Deve prevedere, come contenuto minimo, i seguenti principi:
- L’ente ha come principio imprescindibile il rispetto di leggi e regolamenti vigenti in tutti i Paesi in cui esso opera;
- Ogni operazione e transazione deve essere correttamente registrata, autorizzata, verificabile, legittima, coerente e congrua;
- Devono infine essere elencati i principi base relativamente ai rapporti con gli interlocutori dell’ente: Pubblica Amministrazione, pubblici dipendenti e, nel caso di enti concessionari di pubblico servizio, interlocutori commerciali privati.
6. Focus sull’Organismo di Vigilanza
  1. Compiti:
    - Vigilare sull’effettività del Modello (ovvero sulla coerenza tra i comportamenti concreti e quelli previsti dal Modello);
    - Verificare l’adeguatezza del Modello, ossia la sua reale capacità di prevenire i comportamenti non voluti;
    - Accertare il mantenimento nel tempo dei requisiti di solidità e funzionalità del modello;
    - Aggiornare, ove necessario in seguito a mutamenti organizzativi o normativi, il Modello, presentando proposte di adeguamento e verificandone, successivamente, l’attuazione e l’effettiva adeguatezza.
  2. Requisiti:
    - Autonomia
    - Indipendenza
    - Professionalità
    - Continuità di azione
    In particolare:
    - Deve essere un organo interno all’ente;
    - Deve essere in grado di controllare non solo i dipendenti, ma anche i direttori e gli amministratori dell’ente;
    - Deve essere dedicato a tempo pieno all’attività di vigilanza sul Modello;
    - Deve avere libero accesso presso tutte le funzioni della Società, senza necessità di alcun consenso preventivo;
    - Deve potersi avvalere dell’ausilio di tutte le strutture della società ovvero di consulenti esterni;
    - Deve essere dotato di adeguate risorse finanziarie.
    Inoltre:
    - La collocazione organizzativa dell’OdV deve garantirne l’autonomia dell’iniziativa di controllo da ogni forma d’interferenza e/o di condizionamento da parte di qualunque componente dell’ente”;
    - Non devono essere attribuiti all’OdV compiti operativi;
    - I componenti dell’OdV devono possedere capacità specifiche in tema di attività ispettiva e consulenziale;
    - Le attività poste in essere dall’OdV non possono essere sindacate da alcun altro organismo o struttura aziendale.
  3. Flussi di informazione
    Deve essere previsto l’obbligo per le funzioni aziendali a rischio di dare informazioni all’OdV relativamente a:
    - le risultanze periodiche dell’attività di controllo poste in essere in attuazione del Modello;
    - le anomalie e le atipicità riscontrate.
7. I processi sensibili dell’enteL’ultima parte della formazione deve concentrarsi sulla specifica realtà aziendale, illustrando dettagliatamente:
- le aree sensibili e i soggetti aziendali coinvolti;
- i presidi generali adottati dall’ente (in particolare, l’organigramma, il sistema delle deleghe e delle procure, le “norme di comportamento”);
- i presidi specifici introdotti, ovvero le linee guida relative a ciascun processo sensibile e gli strumenti di monitoraggio e controllo;
- le misure previste dal sistema disciplinare nell’ipotesi di violazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo;
- identificazione dell’Organismo di Vigilanza, delle sue funzioni e dei suoi poteri, delle modalità di “comunicazione” con l’Organismo attivate.

Commenti

Post più popolari