Attestazione del Dirigente Preposto, l’indagine di operari

Presentazione della “Indagine sulle prime relazioni di attestazione dei DP” di Stefano Barlini (www.operari.it)


In occasione delle rendicontazioni contabili il cui periodo di riferimento si è chiuso dopo il 1° luglio 2007, i “dirigenti preposti alla redazione dei documenti contabili societari” e gli organi amministrativi delegati delle società emittenti titoli quotati in Italia sono stati chiamati (per la prima volta) a formulare l’attestazione prevista dall’articolo 154-bis, comma 5 del D.Lgs. n. 58 del 1998 (il c.d. Testo Unico della Finanza).

operàri ha condotto un’approfondita indagine per identificare i principali profili di comportamento adottati dal Dirigente Preposto e dalle società emittenti nella predisposizione della della prima “relazione di attestazione”, analizzando le relazioni di attestazione allegate al bilancio di esercizio, consolidato o relazione semestrale il cui periodo di riferimento si è chiuso dopo il 1° luglio 2007, disponibili presso il sito di Borsa Italiana.
L’indagine ha interessato l'intera popolazione delle società emittenti.

In sintesi, è emerso che la società emittente “media”:
  • ha compilato il paragrafo 2 della relazione di attestazione di cui al comma 5 dell’articolo 154-bis del TUF introdotto dalla legge 262/05;
  • rappresenta un emittente del settore financial a capitalizzazione medio-grande;
  • non differenzia le relazioni di attestazione allegate al bilancio di esercizio e al consolidato;
  • cita il COSO a supporto a del giudizio di adeguatezza delle procedure amministrativo-contabili;
  • non fornisce ulteriori informazioni, né specifica il framework di riferimento a supporto del giudizio di effettiva applicazione delle procedure.
E’ possibile scaricare gratuitamente il testo con i risultati dell’indagine e il file con il dettaglio dei dati dell’analisi (in formato win excel compresso).

Link:

Commenti

Post più popolari