Schema per la determinazione della responsabilità dell'ente

Il dott. de Gennaro ci ha inviato uno "schema riepilogativo" per determinare la responsabilità delle persone giuridiche ai sensi del D.Lgs. 231/01.

E' uno strumento semplice e pratico che sintetizza i principali aspetti relativi alla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche ex D.Lgs. 231/01:
  • la società deve aver conseguito, dall'azione illecita, un interesse o un vantaggio (d.lgs. 231/01, art. 5, co. 1: "L'ente è responsabile per i reati commessi nel suo interesse o a suo vantaggio");
  • la responsabilità della società è autonoma, prescinde cioè dall'identificazione del soggetto che ha commesso il reato (d.lgs. 231/01, art. 8, co. 1, lett. a: "La responsabilità dell'ente sussiste anche quando ... l'autore del reato non è stato identificato o non è imputabile");
  • l'onere della prova, in sede di giudizio penale, varia a seconda che il reato sia stato commesso da un soggetto in posizione apicale o da un soggetto sottoposto all'altrui direzione, i cosiddetti soggetti in posizione subordinata (d.lgs. 231/01, art. 6 e art. 7).
Ricordiamo che devono essere consideratti soggetti in posizione "apicale" sia le "persone che rivestono funzioni di rappresentanza, di amministrazione o di direzione dell'ente o di una sua unità organizzativa dotata di autonomia finanziaria e funzionale" sia le "persone che esercitano, anche di fatto, la gestione e il controllo dello stesso" (d.lgs. 231/01, art. 5, co. 1, lett. a).


Clicca qui per scaricare lo schema illustrativo dei presupposti della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche ai sensi del decreto legislativo n. 231 del 2001.

Commenti

Post più popolari