Reati con finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico

La legge 14 gennaio 2003, n. 7, ha introdotto nel D.Lgs. 231/01 i "reati con finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico" (art. 25-quater).

Come già detto, diversamente da quanto accade per gli altri reati previsti dal D.Lgs. 231/01, l’art. 25-quater [1] “reati con finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico previsti dal codice penale e dalle leggi speciali” opera un rinvio generale “aperto” a tutte le ipotesi attuali e future di reati per:
  • delitti aventi finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico previsti dal codice penale;
  • delitti aventi finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico previsti dalle leggi speciali;
  • delitti previsti dall’art. 2 della Convenzione Internzionale di New York del 9 dicembre 1999.
Su questo tema segnalo, anche se non tratta direttamente la relativa responsabilità amministrativa ex D.Lgs. 231/01, l'articolo "I reati con finalità di terrorismo internazionale ex art. 270 bis" dell'avv. Silvia Gioia, pubblicato su Filodiritto, che approfondisce i temi dell'applicabilità dell'art. 270-bis del codice penale e dei termini "terrorismo" e "finalità terroristiche".

Commenti

Post più popolari