Stress lavorativo, approfondimento

Il D.Lgs. 81/08 ha introdotto, tra gli obblighi in capo al datore di lavoro, anche la valutazione -in fase di predisposizione del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR)- dello stress lavoro-correlato (D.Lgs. 81/08, art. 28, comma 1):

"La valutazione di cui all'articolo 17, comma 1, lettera a) ["la valutazione di tutti i rischi", ndr], anche nella scelta delle attrezzature di lavoro e delle sostanze o dei preparati chimici impiegati, nonché nella sistemazione dei luoghi di lavoro, deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato, secondo i contenuti dell'accordo europeo dell'8 ottobre 2004, e quelli riguardanti le lavoratrici in stato di gravidanza, secondo quanto previsto dal decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, nonché quelli connessi alle differenze di genere, all'età, alla provenienza da altri Paesi."

Allo "stress lavoro correlato" è dedicato -in buona parte- il numero di giugno 2009 della newsletter "io scelgo la sicurezza", che ne approfondisce i seguenti aspetti:
  • i rischi da stress lavorativo: "Lo stress non è una malattia ma una esposizione prolungata allo stress può ridurre l'efficienza sul lavoro e causare problemi di salute" (Accordo europeo dell'8 ottobre 2004);
  • le malattie da stress lavoro correlate (di F. Gota e O. Righello): "Lo stress è un fenomeno soggettivo che non insorge unicamente con la presenza di situazioni stressanti, ma a seguito del modo con cui ogni lavoratore vive emotivamente certe situazioni. [...] In queste situazioni lavorative di disfunzionalità protratte nel tempo, possono originarsi a carico dei lavoratori dei sintomi che possono interessare la sfera psichica [... e ] Possono interessare anche alcuni organi e apparati ..."
  • valutazione, prevenzione e gestione del rischio da stress lavoro correlato (di B. Mottura, A. Baratti e D. Converso): "Secondo i dati dell'Agenzia Europea per la Salute e Sicurezza sul lavoro il 28% dei lavoratori dell'Unione Europea soffre per eccesso di stress legato al lavoro ... In letteratura è oramai noto e condiviso l'assunto secondo il quale la gestione del rischio di stress occupazionale costituisce una leva organizzativa di benessere e di efficacia". L'articolo prosegue affrontando i seguenti argomenti: definizione di stress e modelli, fattori determinanti, con riferimento al contesto del lavoro e al contenuto del lavoro; conseguenze, a livello aziendale e a livello individuale; interventi di gestione del rischio, incluse le misure di gestione e di comunicazione, la formazione dei dirigenti e dei lavoratori, l'informazione e consultazione dei lavoratori e/o dei loro rappresentanti.
  • gli obblighi normativi sullo stress lavoro correlato (di M. Montrano e G. Porcellana), una sintetica rassegna degli interventi normativi in materia.

Commenti

Post più popolari