29 ottobre 2009

Assonime sulla tutela penale dei diritti di proprietà industriale e responsabilità amministrativa delle imprese

Fonte: Assonime

Assonime, con la Circolare n. 43 del 2009, affronta le modifiche al sistema di tutela penale dei diritti di proprietà industriale introdotte dalla legge 23 luglio 2009, n. 99 e l'estensione, ad opera della stessa legge, della responsabilità amministrativa degli enti ai reati in materia di diritti di proprietà industriale e intellettuale.

Le modifiche del sistema penale di tutela hanno per obiettivo principalmente quello di aumentare l'efficacia deterrente delle sanzioni. A tale fine la legge ha aumentato i limiti edittali delle pene. Sono state poi introdotte nuove figure di reato, tra cui in particolare la contraffazione di indicazioni geografiche e denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari. Sono previste riduzioni della pena per i soggetti che collaborano con le autorità nella lotta a questi delitti. Inoltre, per facilitare la raccolta di prove durante le indagini, viene estesa ai reati in materia di proprietà industriale la disciplina delle operazioni sotto copertura, che consente alle autorità una maggiore flessibilità di azione.
Vi è invece stata una riduzione dei livelli minimi e massimi delle sanzioni amministrative per gli acquirenti finali di prodotti che, per la loro qualità o per la condizione di chi li offre o per il loro prezzo, inducono a ritenere che vi sia stata una violazione delle norme in materia di origine e provenienza dei prodotti o in materia di proprietà industriale.

Di rilievo è infine l'inserimento, tra i reati-presupposto della responsabilità amministrativa degli enti previsti dal decreto legislativo n. 231/2001, dei reati in materia di diritti di proprietà industriale e diritti di proprietà intellettuale. Ciò richiede alle imprese una mappatura delle nuove aree di rischio e l'adattamento dei modelli di organizzazione e gestione al fine di prevenire le figure di reato rilevanti.

L'accesso alla Circolare è riservato agli associati.

Nessun commento:

Posta un commento