02 novembre 2009

Il parere del CESR sul passaporto europeo delle SGR e sul KID

Fonte: Newsletter Consob, anno XV, n° 43, 2 novembre 2009

Il Cesr (Committee of European Securities Regulators), l'organismo di coordinamento fra le autorità di vigilanza e di regolamentazione dei mercati finanziari nell'Unione europea, ha trasmesso il 28 ottobre il suo parere tecnico alla Commissione europea in materia di passaporto Ue delle società di gestione e di informazioni rilevanti che devono essere riportate nei prospetti informativi dei fondi comuni d'investimento (si veda il comunicato stampa).

Il parere era stato richiesto dalla stessa Commissione nell'ambito del processo di attuazione della nuova direttiva comunitaria sui fondi comuni (Ucits IV).

L'obiettivo è quello di aumentare la convergenza delle società di gestione dei fondi per quanto riguarda, in particolare, i requisiti organizzativi, i conflitti d'interesse, le regole di condotta nonché la cooperazione tra autorità di vigilanza.

Con questo parere il Cesr intende, inoltre, migliorare attraverso il "Documento con le informazioni-chiave" (Kid, Key Information Document) la qualità e la comprensibilità delle informazioni contenute nei prospetti a beneficio degli investitori al dettaglio, migliorando di conseguenza anche la tutela dei risparmiatori. Nel Kid dovranno essere riportati, in particolare, il profilo di rischio/rendimento, il dettaglio dei costi e delle commissioni a carico dei sottoscrittori, la rappresentazione delle performance storiche.

"Il parere - ha commentato Lamberto Cardia, presidente della Consob nonché presidente del gruppo di lavoro del Cesr sul risparmio gestito - costituisce un altro passo importante per migliorare l'informazione a disposizione degli investitori, aumentando la comprensione dei prodotti offerti e la fiducia degli investitori. Ritengo che l'introduzione del documento con le informazioni-chiave migliorerà la qualità delle informazioni per gli investitori dei fondi comuni e fornirà loro gli strumenti per valutare, capire e comparare più facilmente".

Il parere tecnico si articola in due sezioni, rispettivamente dedicate ai requisiti richiesti alle società di gestione per il passaporto europeo (Ref.: Cesr/09-963) e al contenuto del Kid (Ref.: Cers/09-949).

Nessun commento:

Posta un commento