11 ottobre 2011

La Corte di Cassazione sui reati ambientali

La Corte di Cassazione,  nella "Relazione n. III/09/11 del 2 agosto 2011,  Novità legislative – D. lgs. 7 luglio 2011, n. 121", approfondisce il recepimento della direttiva comunitaria in materia di tutela penale dell'ambiente operato dal legislatore italiano, e in particolare:

a. Le nuove fattispecie previste dagli art. 727-bis e 733-bis c.p.: ragioni dell'introduzione
 a1. L'art. 727-bis cod. pen.
 a2. L'art. 733-bis cod. pen.
b. La responsabilità degli enti per i reati ambientali
 b1. I reati presupposto
 b2. I criteri di imputazione oggettiva e le sanzioni
 b3. La confisca
 b4. La modifica dell'art. 25-novies
c. Le modifiche al regime transitorio introdotte dal c.d. Quarto correttivo al T.U.A. (D.Lgs. n. 205 del 2010): la reviviscenza dell'art. 258 T.U.A.

Nessun commento:

Posta un commento