17 febbraio 2012

Enti non profit e liberalità, principio contabile n. 2

«L'iscrizione e la valutazione delle liberalità nel bilancio d'esercizio degli enti non profit». In pubblica consultazione, fino al 15 maggio 2012, il principio contabile n. 2 per gli enti non profit.

Le liberalità rappresentano una fonte di sostentamento fondamentale per grande parte degli enti che operano nel terzo settore.
Il Principio contabile n. 2, "L'iscrizione e la valutazione delle liberalità nel bilancio d'esercizio degli enti non profit", definisce le linee guida da seguire nel processo di iscrizione e valutazione delle liberalità nel bilancio d'esercizio degli enti non profit, al fine di definire trattamenti contabili uniformi contribuendo in tal modo a migliorare la comparabilità dei dati degli enti che operano nel terzo settore e, contestualmente, accrescendone l'accountability.
Per "liberalità" si intendono gli atti che si contraddistinguono per i seguenti presupposti:
- l'arricchimento del beneficiario con corrispondente riduzione di ricchezza da parte di chi compie l'atto; e,
- lo spirito di liberalità (inteso come atto di generosità effettuato in mancanza di alcuna forma di costrizione).
Nel caso specifico delle liberalità a favore degli enti non profit la causa del trasferimento è da individuare nella volontà dell'erogante di sostenere le finalità istituzionali e di utilità sociale dell'ente stesso.

Il Principio esamina le problematiche inerenti alla contabilizzazione delle liberalità, partendo dal presupposto che l'ente non profit utilizzi un sistema contabile articolato sulla competenza economica, così come previsto dal principio contabile n.1, ma individuando disposizioni tecniche anche per gli enti non profit che adottano sistema di rilevazione per flussi di cassa.

Il documento è scaricabile, oltre che dal sito del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili (scarica il documento "Principio contabile n. 2"), dai siti dell'Agenzia per il Terzo settore e dell'Organismo italiano di contabilità (OIC).

Nessun commento:

Posta un commento