12 aprile 2012

231/01: Impossibilità ad adottare il Modello e responsabilità della società

La Corte di Appello di Brescia, seconda sezione II penale, nell'udienza del 14 dicembre 2011 (deposito 21 dicembre 2011), interviene sulla questione dell'inesigibilità dell'adozione/attuazione del Modello organizzativo ex d.lgs. 231/01, rilevando che:
«la questione del lasso ristrettissimo di tempo (pochi giorni) intercorso tra l'entrata in vigore della norma che ha esteso (anche) alle lesioni colpose la disciplina prevista dal D.Lvo 231/01 e la data dell'infortunio può essere valutata favorevolmente per la società appellante sulla base del semplice principio che viene comunemente espresso col brocardo latino ad impossibilia nemo tenetur, tenuto conto che la predisposizione ed attuazione di modelli di organizzazione e di gestione quali quelli contemplati dall'art. 6 del predetto decreto non poteva umanamente essere attuata in quattro giorni (per di più nel mese di agosto); si tenga presente, peraltro, che il legislatore solo a distanza di mesi dall'entrata in vigore del D.Lgs 231/01 aveva dettato (con l'art. 30 D.Lgs 81/08) una disciplina specifica circa i contenuti che quei modelli devono necessariamente prevedere»

Un estratto del testo della sentenza, con le note dell'avvocato Arena, può essere letto sul sito "reati societari.it".

Nessun commento:

Posta un commento