11 maggio 2012

Proposta di modifica all'art. 25-ter del d.lgs. n. 231/2001 - Pubblica consultazione

Il MEF ha pubblicato in consultazione uno schema di decreto che prevede la "reintroduzione" dei reati di falso in prospetto e di falsità nelle relazioni o nelle comunicazioni dei responsabili della revisione legale tra i reati 231.


Lo schema di decreto, pubblicato in consultazione, fino al 20 maggio 2012, dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, apporta alcune modifiche sia al TUF, sia al Codice Civile, sia al d.lgs. n. 231/2001:
  • al TUF, per recepire le novità sul prospetto contenute nella direttiva 2010/73/UE, in attuazione della delega contenuta nella legge comunitaria 2010 (art. 7 della legge 15 dicembre 2011, n. 217). Parte delle novità sul prospetto erano già state recepite dalla Consob con normativa secondaria mediante la delibera n. 18079 del 20 gennaio 2012. Lo schema di decreto completa quindi il quadro normativo sulla disciplina sul prospetto. Lo schema di decreto apporta, inoltre, ulteriori modifiche al TUF volte alla semplificazione degli obblighi degli emittenti.
  • al Codice Civile in tema di emissione di obbligazioni (art. 2412) e di aumenti di capitale (art. 2441).
  • all'art. 25-ter del d.lgs. n. 231/2001, "reintroducendo" tra i reati che possono determinare la responsabilità dell'ente il falso in prospetto ("alla lettera e) le parole: «2623, secondo comma, del codice civile», sono sostituite dalle seguenti: «173-bis del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58»") e di falsità nelle relazioni o nelle comunicazioni dei responsabili della revisione legale ("alla lettera f) le parole: «2624, primo comma, del codice civile», sono sostituite dalle seguenti: «27, primo comma, del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39»" e "alla lettera g), le parole: «2624, secondo comma, del codice civile», sono sostituite dalle seguenti: «27, secondo comma, del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39").
Lo schema di decreto e la relazione illustrativa possono essere scaricati dal sito di Assonime.

Nessun commento:

Posta un commento