17 settembre 2012

Conservazione dei documenti: quale formato usare?

Segnalo l'articolo "Conservazione sostitutiva dei documenti: usare il PDF è sicuro?" (di Carlo Tenca, pubblicato su Altalex lo scorso 13 settembre) che approfondisce i vantaggi e gli svantaggi della scelta del formato "pdf" per l'archiviazione sostituitiva - elettronica - dei documenti.

«In questi ultimi anni è evidente la corsa alla digitalizzazione e ad ogni forma di conservazione sostitutiva.
...
In questo frangente è d'uopo una riflessione approfondita sul tipo di documento che dobbiamo affidare alla cura informatica, al fine di ottenere a livello digitale l'equivalente, dal punto di vista giuridico, di un foglio di carta compilato e firmato in modo autografo.
In modo empirico l'utente forse ritiene, a torto, che il formato di documento digitale più indicato sia quello indicato genericamente con l'acronimo di PDF.
...
Ma è esattamente così semplice e sicuro parlare genericamente di formato PDF per la conservatoria e la digitalizzazione?
In realtà il formato PDF, nella sua forma standard, non può essere considerato compatibile con i processi di conservazione digitale, manca infatti della caratteristica di riproducibilità a lungo termine, neppure nella forma della conservazione dell'aspetto visivo.»

Leggi tutto l'articolo "Conservazione sostitutiva dei documenti: usare il PDF è sicuro?".

Nessun commento:

Posta un commento