15 ottobre 2012

Appalti, responsabilità solidale, asseverazione e il ruolo del commercialista

«La nuova disciplina sulla responsabilità fiscale "solidale" tra appaltatore e subappaltatore per il versamento delle ritenute sui redditi di lavoro dipendente e dell'IVA nell'ambito dei contratti di appalto e subappalto di opere e servizi, prevista dal Dl 83/2012, chiama in causa non soltanto i soggetti della "catena" (committente, appaltatore e subappaltatore), ma anche i professionisti e i Caf che li assistono.
Come talvolta accade, anche con riferimento alla verifica degli adempimenti in materia tributaria prevista dal Dl 83/2012, il legislatore "scarica" agli operatori in materia lavoristica e fiscale la responsabilità di attestare la regolarità degli stessi.
Infatti, secondo quanto previsto dalla norma e in parte chiarito dalla circolare delle Entrate 40 dell'8 ottobre 2012 ..., oltre alla soluzione "fai da te", gli appaltatori e i subappaltatori potranno rivolgersi ai professionisti abilitati per richiedere l'asseverazione dell'attestazione dell'avvenuto adempimento degli obblighi fiscali, utile a dimostrare il regolare versamento dell'Iva e delle ritenute sui redditi da lavoro dipendente (Irpef e addizionali regionali e comunali), scaduti alla data del pagamento del corrispettivo. ...»


Leggi tutto l'articolo "Appalti solidali, professionisti in guardia" (di Alessandro Rota Porta, Il Sole 24 Ore).
Forse può interessarti anche "Responsabilità solidale dell'appaltatore, i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate (Circolare 40/E 2012)".

Nessun commento:

Posta un commento