01 ottobre 2012

Le Regioni e l'applicazione degli accordi della conferenza Stato-Regioni sulla formazione in materia di sicurezza del lavoro

La Lombardia ha emanato la Circolare regionale 17 settembre 2012 – n. 7, "Indicazioni in ordine all'applicazione dell'Accordo tra il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, il Ministero della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sui corsi di formazione per lo svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi ... e per la formazione dei lavoratori ...", riguardante l'applicazione degli accordi della conferenza stato-regioni sulla formazione in materia di sicurezza del lavoro, con riferimento alle recenti linee interpretative.
La circolare tratta i seguenti argomenti:
1. Enti bilaterali ed organismi paritetici
2. Procedure per la richiesta di collaborazione
3. Criteri per la scelta del percorso formativo per i lavoratori
4. Riconoscimento della formazione pregressa e regime transitorio
5. Modalità di erogazione dei percorsi
6. Rilascio attestati
7. Ruolo dei Dipartimenti di Prevenzione Medica mediante i Servizi di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPSAL)

La Regione Sicilia con il Decreto 8 agosto 2012 ha recepito gli accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 n. 221 e n. 223 e del 25 luglio 2012 ed ha definito le linee guida per l'organizzazione dei corsi di formazione per lo svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi e per lavoratori, dirigenti e preposti.
Il Decreto si articola come segue:
Premessa
1. Formazione per lo svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi
1.1. Individuazione dei soggetti formatori
1.2. Istituzione dell'elenco regionale dei soggetti formatori
1.3. Procedure per l'accreditamento e l'inserimento nell'elenco regionale di ulteriori soggetti formatori
1.4. La commissione per la verifica dei requisiti dei soggetti formatori
1.5. Comunicazione di avvio corso
1.6. Modalità di effettuazione dei corsi di formazione e certificazione finale
1.7. Attestati di formazione
1.8. Modalità di effettuazione dei corsi di aggiornamento
1.9. La formazione e-learning
2. Formazione dei lavoratori, dirigenti e preposti, ai sensi dell'art. 37 del decreto legislativo n. 81/08
2.1. Modalità di effettuazione dei corsi di formazione
2.2. Modalità di effettuazione dei corsi di aggiornamento
2.3. Elenco degli organismi paritetici e degli enti bilaterali
2.4. La formazione e-learning
3. Controllo e monitoraggio sui corsi di formazione
4. Precisazioni finali

La Regione Lazio ha recepito l'accordo Stato-Regioni e Province Autonome del 21 dicembre 2011 sui corsi di formazione per lo svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi con la Delibera della Giunta Regionale del 13 luglio 2012, n. 361, approvando contestualmente il relativo standard formativo.
Questo il contenuto della Delibera:
1. Formazione per Datori di lavoro che svolgono direttamente i compiti di prevenzione e protezione dai rischi
1.1. Durata del corso di formazione
1.2. Requisiti di accesso al corso
1.3. Soggetti formatori
1.4. Soggetti autorizzati dalla Regione
1.5. Frequenza
1.6. Allievi per corso
1.7. Verifica finale di apprendimento
1.8. Composizione Commissione di verifica
1.9. Certificazione finale
1.10. Aggiornamento
1.11. Metodologie di insegnamento e apprendimento
1.12. Crediti formativi
2. Contenuti minimi per la formazione dei datori di lavoro che svolgono direttamente i compiti di prevenzione e protezione dai rischi ai sensi dell'art. 34, commi 2 e 3 del D.Lgs 8 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.
2.1. Modulo Normativo- Giuridico
2.2. Modulo Gestionale
2.3. Modulo Tecnico
2.4. Modulo Relazionale
3. Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002-2007


Leggi anche:
"Linee guida sulla formazione per la sicurezza sul lavoro", guida agli obblighi formativi previsti dal D.Lgs 81/08 e dalle altre leggi in materia di salute e sicurezza sul lavoro (pdf, 116 pagine, 3,7Mb).

Nessun commento:

Posta un commento