06 ottobre 2012

Sorveglianza sui sistemi di pagamento al dettaglio, le disposizioni della Banca d'Italia

La Banca d'Italia ha emanato il provvedimento "Disposizioni in materia di sorveglianza sui sistemi di pagamento al dettaglio".
Le disposizioni sono volte ad assicurare l'affidabilità e l'efficienza dell'offerta dei servizi di pagamento al dettaglio in Italia. Il provvedimento riguarda i soggetti che gestiscono sistemi di pagamento al dettaglio nonché i prestatori di servizi di pagamento che hanno sede legale e/o operativa in Italia. 
Per i gestori di sistemi di pagamento al dettaglio il provvedimento, in linea con i principi e le best practices internazionali, introduce prescrizioni relative agli aspetti di governance, controlli interni, esternalizzazione, collegamenti tra sistemi. Una specifica attenzione è riservata sia al controllo dei rischi d'impresa, legale e operativo, sia alle modalità stabilite per la partecipazione dei prestatori di servizi di pagamento al sistema. 
Per quanto riguarda i prestatori di servizi di pagamento è previsto che essi comunichino alla Banca d'Italia la denominazione del sistema estero eventualmente utilizzato per il regolamento dei pagamenti al dettaglio: ciò permetterà di verificare che tale sistema sia sottoposto a un regime di sorveglianza analogo a quello vigente in Italia.
La bozza del provvedimento è stata sottoposta a una procedura di consultazione pubblica che ha consentito a operatori, professionisti, accademici e associazioni di categoria di prestatori e utilizzatori di servizi di pagamento di fornire commenti e suggerimenti. Le principali osservazioni pervenute e le valutazioni svolte con riferimento a esse sono sintetizzate in un apposito documento, pubblicato sul sito internet dell'Istituto unitamente al provvedimento.
A corredo del provvedimento è stata inoltre predisposta una guida operativa dei controlli di sorveglianza.
Testo delle Disposizioni

Vai al provvedimento "Disposizioni in materia di sorveglianza sui sistemi di pagamento al dettaglio" sul sito della Banca d'Italia.

Nessun commento:

Posta un commento