23 novembre 2012

La corruzione tra privati - Le responsabilità di persone fisiche e società, di Maurizio Arena

Come noto, la legge 6 novembre 2012, n. 190, recante "Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella pubblica amministrazione" ha introdotto nell'ordinamento giuridico italiano la fattispecie di corruzione tra privati (art. 2635 c.c.), in adempimento di precisi obblighi internazionali.




L'e-book "La corruzione tra privati - Le responsabilità di persone fisiche e società", di Maurizio Arena*, affronta i principali profili teorici ed applicativi del reato e della conseguente responsabilità della società ai sensi del decreto legislativo n. 231 del 2001 (l'articolo 25-ter, comma 1, del d.lgs 231/01 è stato, infatti, integrato con la lettera s-bis) "per il delitto di corruzione tra privati, nei casi previsti dal terzo comma dell'articolo 2635 del codice civile").
Di seguito il contenuto dell'e-book:
  Premessa
  La travagliata introduzione della corruzione privata nell'ordinamento giuridico italiano
  - La Decisione quadro 2003/568/GAI
  - La legge 25 febbraio 2008, n. 34 (Comunitaria 2007)
  - La legge anticorruzione
  - Conclusioni
  I soggetti attivi
  La condotta e la violazione degli obblighi d'ufficio o di fedeltà
  - La violazione degli obblighi di fedeltà
  Alcuni ulteriori profili della fattispecie
  La responsabilità dell'ente collettivo ai sensi del decreto legislativo 231 del 2001
  - Alcune precisazioni
  - Il reato commesso nell'interesse della società
  - Le persone fisiche che possono coinvolgere la società
  - Le modifiche dirette ed indirette dell'art. 25-ter


L'e-book può essere acquistato on-line sul sito di Filodiritto Editore al prezzo di 0,99€: costa meno di un caffè in un bar di Milano ed è un utile strumento di formazione. Sul sito è anche possibile visualizzare e scaricare gratuitamente un'anteprima delle prime pagine dell'e-book.


(*) Maurizio Arena, penalista d'impresa, Curatore della Rivista online Reati Societari e Presidente dell'Osservatorio 231 Farmaceutiche.

Nessun commento:

Posta un commento